martedì, marzo 26, 2013

Il movimento dell'amore

L'amore ha un movimento discendente da Dio verso di noi e da noi verso il prossimo e tutto il creato.

Nel momento in cui blocchiamo questo movimento siamo gli artefici dell'andamento negativo che consegue al non esercitare amore.

Ogni scelta di non amare sbarra il flusso dirompente dell'amore di Dio che spostandosi, continuamente, verso di noi, ristagna in noi.

Tesorizzare l'amore divino non donandolo poi agli altri, per egoismo, paura, pigrizia ecc. è causa del male che esiste nel mondo poichè dove non c'è circolazione d'amore, si muove il non amore, quello che porta all'odio, all'antipatia, alla guerra, all'egoismo e così via.

In un universo infinito retto dall'amore del Creatore è solo l'uomo ad interrompere lo spostamento della benevolenza divina, nel momento in cui la riceviamo e non la doniamo agli altri, sbilanciando l'equilibrio del dare per ciò che abbiamo ricevuto.

Essere solo canali di ristagno dell'amore e non cooperatori dell'amore che smuove il nostro amore verso gli altri è il motivo per cui la vita sulla terra non è fatta di felicità e benessere.

Comprendere, in consapevolezza, che l'amore è una corrente che non va frenata, ma agevolata nel suo movimento è molto importante per la nostra crescita interiore ed il nostro benessere psicofisico e spirituale.

Nessun commento: